The Witcher: Old World un anticipazione sulle meccaniche di gioco!

Share on facebook
Condividi su Facebook!
Share on twitter
Condividi su Twitter!
Share on linkedin
Condividi su Linkedin!
Share on whatsapp
Invia su Whatsapp!
The Witcher: Old World è il nuovo gioco da tavolo competitivo realizzato dai ragazzi di Go on Board in collaborazione con CD Red Project per il quale inizierà la campagna Kickstarter nel mese di Maggio! Vediamo assieme alcune novità relative alle meccaniche del gioco!
The Witcher: Old World

Possiamo sentire la gioia dei fan di The Witcher: Old World ogni volta che viene rilasciato un nuovo dettaglio o un qualsiasi cosa, piccolo o grande che sia, relativo al nuovo gioco da tavolo degli strighi, che vedrà luce con la sua campagna Kickstarter nel mese di Maggio.

Oggi abbiamo molto di cui parlare, ma soprattutto ascoltare se siete pratici della lingua inglese, grazie a questo nuovo aggiornamento fornito direttamente dal designer del gioco, nel quale vedremo assieme un’infarinatura generale delle meccaniche.

Ricordiamo che il gioco è ancora in fase embrionale, quindi come citato nel video, modifiche al gameplay o al design stesso del gioco non sono da escludere in quanto non stiamo assolutamente esaminando la versione definitiva.

Partiamo innanzitutto dicendo che all’interno del gioco sarà prevista, grazie alle grandi richieste dei fan, una modalità cooperativa e anche solitaria per The Witcher: Old World, nonostante il gioco nasca principalmente come genere competitivo.

Vediamo prima di tutto come è formato il turno del giocatore, i quali si troveranno davanti a 3 fasi da affrontare:

  1. La prima fase riguarda il viaggio attraverso la mappa e l’attivazione degli effetti relativi al luogo visitato.
  2. Nella seconda fase, avrete a vostra disposizione 3 opzioni:
    1. Avviare un combattimento con il mostro che incontrerete nella location d’arrivo o anche con uno degli altri Witcher presenti sempre nel luogo d’arrivo.
    2. Potrete meditare ma solo se avrete raggiunto il quinto ed ultimo livello in ognuno dei 4 attributi presenti nella vostra plancia giocatore.
    3. La terza ed ultima opzione è l’esplorazione, che sembrerebbe sia relativa ai 3 mazzi di carte posizionati vicino al tabellone i quali permetteranno di attivare soprattutto le questo secondarie.
  3. La fase tre è semplicemente la pesca di 3 carte dal proprio mazzo + altre carte dai mazzi vicini. 


Il setup iniziale prevede la distribuzione di N carte a seconda di chi sia il primo giocatore e via cosi fino all’ultimo, assieme a una quantità d’oro anch’essa variabile a seconda della posizione del giocatore.

The Witcher: Old World

Ogni luogo sulla mappa di The Witcher: Old World è accompagnato da un’icona relativo a un elemento della terra. Ecco che l’azione del viaggio avviene tramite l’utilizzo di carte che presentano lo stesso simbolo della città di destinazione. Sembrerebbe quindi che non sia possibile viaggiare nei luoghi per i quali non si possiede la carta con la rispettiva icona.

Questi luoghi sono molto utili per il potenziamento dei propri attributi. Dal video gameplay il modo in cui questi attributi salgano è piuttosto rapido, specialmente se si riesce a fare più viaggi durante il proprio turno, sfruttando cosi il bonus relativo al luogo di destinazione capace infatti di aiutarvi nel crescita del vostro strigo durante la partita.

A giudicare dal video inoltre, sembra non ci sia un limite di gioco al numero di carte durante il proprio turno, ma questo è un dettaglio che solo il regolamento potrà meglio spiegare.

Le carte esplorazione vi metteranno davanti a dalle vere e proprie situazioni narrate, grazie a delle mini storie presenti su di esse alla fine delle quali dovrete compiere una scelta. Vi comporterete in un modo piuttosto che in un altro? Aiuterete o ignorerete le richieste d’aiuto? E via cosi. Ovviamente ogni scelta ha delle conseguenze.

Sono presenti delle meccaniche di poker o scommessa, in cui potrete giocarvi il vostro oro con gli avversari grazie ai dadi presenti nel gioco.

The Witcher: Old World

Alcuni luoghi della mappa vi permetteranno di compiere l’addestramento per i vostri attributi pagando dell’oro, tuttavia ogni Witcher possiede un attributo unico relativo alla sua abilità speciale.

Questo attributo potrà essere aumentato solo nella città di partenza, ovviamente diversa per ogni Witcher.

Interessante è il sistema di combattimento contro i mostri quando decidete di affrontarli nel luogo in cui si trovano. Sarete voi con il vostro mazzo di carte contro il mazzo di carte del mostro (del quale si occuperà uno degli avversarsi di gestire). A questo punto il combattimento si svolge in uno scambi di turni tra voi e il mostro dove giocherete le vostre carte. Sembrerebbe dal vide gameplay che il mostro venga sconfitto una volta che sarete riusciti a far scartare tutte le carte dal mazzo del mostro senza morire. Ovviamente non mancheranno combo varie, possibilità di usare i segni e bere pozioni per recuperare vita.

Gli scontri tra Witcher si svolgono alla stessa maniera con la differenza che i giocatori non attivi in combattimento posso puntare oro sul vincitore del combattimento.

Sul tabellone è presente una colonna molto simile a l’iniziativa di Rising Sun dove qua però al posto dell’ordine viene indicato chi sta vincendo la partita.

The Witcher: Old World

Una componente grafica e dei materiali davvero di qualità

Per quello che ci è stato consentito vedere dal video, sembra che la componente grafica, partendo dalle illustrazioni sulle carte fino alla mappa di gioco sia davvero ben fatto.

Forse la mappa sembra non eccellere troppo nelle dimensioni e potrebbe a prima vista dare l’impressione di essere leggermente piccola. Tuttavia non dimentichiamo che non è la versione definitiva del gioco, ecco perché alcuni cambiamenti potrebbero essere presenti nel gioco finale.

Le miniature di The Witcher: Old World sono stupende. Speriamo che anche il materiale sia altrettanto di qualità.

Bellissime le plance giocatore sulle quali la traccia degli attributi e della loro evoluzione è incastonata con delle forme quadrate, sulle quali potrete incastrare un piccolo cubetto, senza che possa muoversi e quindi spostarsi.

Continuate a seguirci per ulteriori aggiornamenti su The Witcher: Old World!

Share on facebook
Condividi su Facebook!
Share on twitter
Condividi su Twitter!
Share on linkedin
Condividi su Linkedin!
Share on whatsapp
Invia su Whatsapp!
Michele Rondina

Michele Rondina

Grafico e Web Designer con una passione sfrenata per i giochi in scatola. Schiavizza la moglie e i figli per partecipare alle sue sessioni di gioco. Il Natale non è Natale se sotto l'albero non c'è almeno un gioco in scatola pronto per essere provato.

Giochi in scatola

Mice and Mystics: il Cuore di Glorm

Mice and Mystics: il Cuore di Glorm, la prima espansione!

Il libro di fiabe “Il Cuore di Glorm”, la prima espansione di Mice and Mystics, permetterà a te e ai tuoi amici di continuare la storia del principe Collin, Maginos, Tilda, Nez, Filch e Lily. In questa espansione sono incluse nuove miniature, carte e segnalini, nonché una nuova serie di capitoli che metteranno alla prova il tuo coraggio! Si unirà alla compagnia Nerè, una mistica selvaggia che porterà in battaglia la sua potente magia e conoscenza dell’alchimia!

Munchkin Dungeon

Munchkin Dungeon: porte da abbattere e mostri da sconfiggere!

Munchkin è un famosissimo gioco di carte, il quale si base su inganni, tradimenti, idiozia, idiozia e idiozia. Oggi, grazie ai ragazzi di Cmon Games, gli eroi e i mostri di Munchkin hanno trovato un dungeon da esplorare e una forma tridimensionale sotto forma di boardgame: Munchkin Dungeon! Un gioco irriverente dove dovrete avanzare nel dungeon abbattendo porte, sconfiggendo nemici e guadagnando fama!

Lords of Hellas

Lords of Hellas: tecnologia e antica Grecia!

Lords of Hellas immerge da uno a quattro giocatori nel vivido ed eccitante mondo dell’antica Grecia, ma con una svolta: le opere d’arte e la grafica del gioco vengono re-immaginate, dando loro un tono fantascientifico. Il gioco è eccitante e coinvolgente, con una grandissima rigiocabilità e interazione tra i giocatori.

Last Bastion

Last Bastion: difendi la torre!

Last Bastion è un gioco cooperativo dove l’obiettivo è difendere la propria torre da un’orda di mostri e rimanere in vita abbastanza a lungo da sconfiggere il Signore della Guerra. Siamo davanti a una specie di remake fantasy di Ghost Stories, uno dei più difficili giochi da tavolo cooperativi mai realizzati.

Gloomhaven

Gloomhaven: arriva in Italia un Dungeon Crawl davvero enorme!

Gloomhaven, il nuovo gioco da tavolo cooperativo, creato dal designer Isaac Childres, è grande. Veramente grande.
La campagna del gioco, la quale è formata da una combinazione di 95 (novantacinque!) possibili dungeon, richiederà facilmente 100 ore per essere completata.

Seguici su Instagram!

seguici su facebook

giochi di carte

Here to Slay

Here to Slay, che vinca il party più forte!

In Here to Slay radunerete un gruppo di eroi completo per sterminare pericolosi mostri cercando di evitare al contempo di farvi sabotare dai vostri amici/nemici. Dovrete inoltre gestire l’equipaggiamento dei vostri eroi, dominare potenti magie e modificare i risultati dei dadi, il tutto per volgere la sorte a vostro favore!

Exploding Kittens

Exploding Kittens

Exploding Kittens è un gioco di carte, stupido quanto ironico che vi farà passare 15 minuti di divertimento puro assieme ai vostri amici, con un regolamento che può essere appreso in 3 minuti veri e propri!

Marvel United

Marvel United è arrivato! Entra a far parte degli Avengers!

In Marvel United, tu e fino a tre altri giocatori assumerete il ruolo dei più potenti supereroi della Marvel mentre cercherete di contrastare i piani malvagi di un cattivo, molto cattivo. Darete vita a una storia utilizzando i rispettivi mazzi di carte di ogni personaggio, salvando civili, sconfiggendo teppisti e scagnozzi e vagando per alcuni dei luoghi più iconici dell’universo Marvel, il tutto per terminare nell’epico scontro finale contro il super cattivo di turno!

Disney Villainous

Disney Villainous: che cattivo vuoi essere?

I cattivi, o meglio conosciuti come antagonisti, da sempre riescono a trovare un posto nel cuore di tutti, a volte sovrastando anche il personaggio principale (buono) della storia. In tutto ciò dobbiamo sicuramente ringraziare Disney, che è sempre stata in grado di creare personaggi cattivi di spessore, capaci di farci innamorare. Ecco quindi che grazie alla collaborazione tra quest’ultima e Ravensburger, nasce Disney Villainous, dove per una volta, i cattivi saranno i veri padroni della scena!