Le Cronache di Avel è un gioco da tavolo cooperativo per tutta la famiglia. Assumi il ruolo di coraggiosi eroi ed eroine con una missione per salvare la tua terra magica. Crea il tuo personaggio e assegnagli un nome univoco. Ottieni il tuo equipaggiamento, potenzialo e preparati per la battaglia. Ma ricorda di scegliere saggiamente cosa porti con te perché il tuo zaino ha uno spazio limitato. Armato e pronto, esplora la terra in cerca di avventura e fortuna e... Difendi il castello, sconfiggi la Bestia e salva Avel!
Condividi su Facebook!
Condividi su Twitter!
Condividi su Linkedin!
Invia su Whatsapp!

Le Cronache di Avel, un piccolo capolavoro che riesce ad unire 2 generi (il cooperativo e il dungeon crawler) in un punto d’incontro tra adulti e bambini, riuscendo a soddisfare entrambi le parti.

Il genere dungeon crawler è ormai famoso, e si basa su alcuni capi saldi: mappe da esplorare, ricompense, sviluppo del proprio personaggio, nemici da sconfiggere ecc… Ci sono tantissimi rappresentanti del genere, e ovviamente i migliori sono giochi maturi, per adulti, con meccaniche che nonostante ai nostri occhi siano semplici, per i piccoli possono risultare complicate.

Nonostante abbia tentato in tutti i modi di far avvicinare i miei bambini al genere, spostandomi anche verso un qualcosa che dovrebbe essere più alla loro portata, come un Mice and Mystics o un Fiabe di Stoffa, non sono mai riuscito a fare una breccia completa, un po a causa di una componente narrativa molto pesante, che alla lunga può stancare e un po per tutte quelle eccezioni a cui bisogna stare attenti se si vuole seguire le regole con cura.

Le Cronache di Avel è stata una sorpresa bellissima, in quanto mette in gioco il genere cooperativo e dungeon crawler, mettendo sul tavolo delle meccaniche semplicissime ma allo stesso tempo dando al titolo quella profondità di cui ha bisogno per tenere incollati i bambini tutta la partita ma anche dare qualche soddisfazione ai più grandi attorno al tavolo.

Ma andiamo un passo alla volta. Innanzitutto vediamo cosa troviamo nella scatola di Le Cronache di Avel!

Entra anche tu nel canale Telegram!

Siamo arrivati anche su Telegram con il canale ufficiale di The Forge!

Entra anche tu e verrai notificato riguardo l’uscita delle nostre recensioni e video recensioni oltre che tutte le notizie sul mondo dei giochi da tavolo!

Inoltre non mancheremo di tenervi aggiornati con le migliori offerte sui giochi da tavolo che potrete trovare su Amazon!

Cosa troviamo nella scatola di Le Cronache di Avel?

Ciò che si trova dentro la scatola di questo gioco da tavolo, spiazza decisamente. Quello che a primo acchito doveva essere un gioco per bambini, si presenta invece come un gioco con la G maiuscola sotto ogni aspetto, componenti compresi. Dal punto di vista cartaceo, abbiamo un regolamento ben scritto e illustrato che spiega passo passo il funzionamento del gioco. Una scheda riassuntiva delle azioni disponibili e del flusso di gioco, molto utile da tenere sempre vicino come promemoria. Un bestiario dei mostri che popolano le lande di Avel, per chiunque ami leggere questo genere di cose e un foglio fronte/retro che tramite l’uso dei dadi aiuta a scegliere il nome del proprio eroe.

A proposito di quest’ultimi troverete anche un blocchetto con il disegno dell’eroe da colorare con le matite. Il foglietto in questione sarà poi inserito nella propria plancia eroe, bellissima con le scanalature per inserire i vari elementi che la compongono come i token dei punti vita, l’equipaggiamento ecc…

La mappa di gioco è formata da tessere esagonali, rendendo cosi la struttura della mappa stessa modulare, potendo creare svariate forme di ogni tipo. Le illustrazioni poi sono davvero belle da guardare, e una volta esplorata tutta, la mappa stesa sul tavolo sarà un vero piacere per gli occhi. Lo stesso discorso vale anche per tutti i token di cartoncino presenti nella scatola, come quelli tondi dei mostri per esempio.

Il sacchettino giallo dell’equipaggiamento è una bella chicca che va ad arricchire un contenuto veramente non da poco.

Troviamo poi svariati elementi in legno, come i cuori da usare come vita dei propri eroi, i meeple stessi degli eroi da usare sulla mappa e le mura protettiva da costruire attorno al castello.

Chiudono il cerchio, senza soffermarsi troppo su ogni singolo token in cartoncino, il set di dadi presenti nella confezione di Le Cronache di Avel. Dadi colorati con le tipiche facce per infliggere e parare danni. Vi ricordiamo che sui dadi si basa tutta la meccanica del combattimento che vedremo a breve.

Come si gioca a Le Cronache di Avel?

Le Cronache di Avel è un gioco da tavolo cooperativo, e il vostro obiettivo sarà quello di riuscire a sconfiggere la Bestia durante l’ultimo round evitando che quest’ultima o qualsiasi altro mostro riesca ad entrare nella tessera iniziale del vostro castello.

La struttura dei turni è molto semplice, e prende le basi dei più classici dungeon crawler. Tutti i giocatori svolgono il loro turno, effettuando un massimo di 2 azioni, anche ripetute, tra le 4 disponibili. Una volta fatto ciò il segnalino sul tracciato lunare avanza, scandendo i round della partita. Arrivati all’ultimo round la Bestia entrerà in gioco e da quel momento in poi, a differenza del resto della partita che i mostri sono fermi nella tessera in cui vengono generati, essi assieme alla bestia si sposteranno verso il vostro castello di una tessera ogni round.

Sconfiggete la Bestia prima che in qualsiasi nemico termini il movimento sulla tessera del vostro castello per vincere la partita.

Ma facciamo un passo indietro. Cosa potrete fare nel vostro turno dunque? Ogni giocatore possiede il proprio eroe, al quale è associata la rispettiva plancia giocatore.

Nella plancia eroe avrete il conteggio della vostra vita, la sagoma del personaggio con gli spazi equipaggiamento disponibili (elmo, arma e scudo) e lo zaino. 

Lo zaino, incavato come la sagoma dell’eroe, è lo spazio disponibile per contenere le monete e l’equipaggiamento che otterrete durante la partita. Se il token non entra fisicamente nello spazio dello zaino disponibile, non potete tenerlo e sarete obbligati a scartarlo.

Questo sistema della plance incavate alla Scythe per capirci è molto carino utilizzato in questo modo. Vedere le persone rigirare i vari token nello zaino per farli entrare, rifiutandosi categoricamente di scartare qualcosa è davvero esilarante.

Le possibili azioni dei vostri eroi sono 4, ma potrete farne solo 2 nel vostro turno, anche la stessa ripetuta:

  • Movimento: una semplice azione di spostamento per spostarvi di una tessera alla volta. Alcune tessere hanno il simbolo di un portale nell’angolo. Grazie a questi portali vi potrete spostare più velocemente tra tessere di questo tipo.
  • Recupero: il vostro eroe recupera 2 punti vita.
  • Attivazione della tessera: alcune tessere hanno abilità particolari che possono essere attivati. Troverete il mercato per esempio, dove spendere le vostre monete per acquistare equipaggiamenti, o la cava nella quale pagando i nani potrete fortificare il vostro castello con un massimo di 3 mura. Le tessere sono fondamentali per la riuscita dell’avventura e dovrete sfruttarle al massimo per riuscire a vincere.
  • Combattimento: l’azione di combattimento prevede che possiate effettuare fino a 3 attacchi contro il mostro desiderato. Vi potrete fermare dopo ogni singolo attacco se doveste valutare di essere più vicini alla sconfitta voi piuttosto che il nemico. Attaccando tirerete i 2 dadi verde (dadi di base di ogni eroe) più eventuali dadi rossi, gialli o azzurri extra se previsti dal vostro equipaggiamento. Assieme ai vostri dadi dovrete tirare anche i dadi del nemico (viola e neri) indicati sul token del mostro. Da qui si verifica un semplice confronto di risultati tra ferite e scudi da ambo le parti. I nemici infatti in Le Cronache di Avel non hanno una loro fase d’attacco, ma rispondono immediatamente ai vostri attacchi. Sconfiggere i mostri ovviamente vi garantirà ricompense in termini di monete, nuovi equipaggiamenti e, nel caso dei mostri più forti anche la possibilità di potenziare uno dei vostri equipaggiamenti, girandolo da lato più forte per ottenere bonus extra.

 

 

Le tessere della mappa sono inizialmente tutte coperte tranne le 3 iniziali vicino al castello. Dovrete trovare il giusto equilibrio tra sconfiggere i mostri per non trovarvi all’ultimo round con la mappa invasa, esplorare ovvero spostarvi lungo la mappa per scoprire le tessere non ancora esplorate e potenziarvi.

Arrivare infatti a fine partita senza un buon equipaggiamento potrebbe risultare fatale.

Quando tutti gli eroi completano il loro turno, si dovrà attivare il tracciato lunare avanzando di una casella. Questo tracciato vi porta verso il termine della partita e inoltre alterna la rigenerazione dei mostri sulle tessere vuote al recupero dei punti vita, cosi fino all’ultimo round.

Da tenere in considerazione inoltre che negli ultimi 3 round vi verrà rispettivamente bloccata la possibilità di costruire i sigilli lunari per bloccare i punti di rigenerazione dei mostri, costruire trappole per infliggere danni alla Bestia e infine costruire le mura per proteggere il castello. Dovrete quindi occuparvi di questi potenziamenti prima di arrivare all’ultimo round altrimenti poi non avrete più la possibilità di sfruttarne i vantaggi.

Pianificare i turni assieme ai vostri compagni, dividendosi i compiti e lasciando quindi qualcuno in difesa, un altro in esplorazione e il più fortunato in ricchezza magari a costruire i potenziamenti è essenziale. Le azioni individuali e non collaborative non porteranno a nulla e Le Cronache di Avel, nonostante possa apparire come un titolo semplice e leggero invece è capace di castigare e colpire duramente se non si fa gioco di squadra.

Opinione Finale di Le Cronache di Avel

Le Cronache di Avel è un ottimo gioco da tavolo. A un prezzo inferiore ai 40€ la scatola ha tantissimi contenuti da offrire oltre a una meccanica che si trova perfettamente a metà via tra un introduttivo base ai dungeon crawler per bambini e un vero e proprio rappresentate di questo genere per un pubblico adulto. 

Con le Le Cronache di Avel riuscirete a far divertire i vostri bambini che vi chiederanno ripetutamente di giocare, ma allo stesso tempo ci sarà quel minimo di sfida e strategia da applicare per poter rendere l’ora passata al tavolo piacevole anche agli adulti che parteciperanno alla sessione.

Non è sicuramente un titolo da giocare con il proprio gruppo nel fine settimana, ma se avete bambini, giovani o perché no, anche neofiti del genere, riuscirete a divertirvi davvero tanto!

Condividi su Facebook!
Condividi su Twitter!
Condividi su Linkedin!
Invia su Whatsapp!

Acquista su amazon.it

Scheda Tecnica

Contenuto della scatola

Altri giochi in scatola

Everdell: Bellfaire

Everdell: Bellfaire, la seconda espansione del bellissimo Everdell!

Everdell: Bellfaire è la seconda espansione del fantastico gioco Everdell, l’ormai famoso esponente della categoria “Gestione Risorse” ma allo stesso tempo alla portata di tutti! Dopo il successo ricevuto dal gioco base, le espansioni erano d’obbligo, andiamo a vedere quindi assieme cosa troveremo dentro la scatola!

Brew

BREW: è ora di riportare ordine nelle stagioni ed equilibrio nella foresta!

Grazie a Ghenos Games arriva finalmente nel nostro territorio BREW, un bellissimo gioco da tavolo dalle ridotte dimensioni ma che riesce a fondere la meccanica del piazzamento dadi con quella del controllo territori, e ci riesce davvero bene! Brew è pazzesco, un piccolo capolavoro che non dovrebbe mancare nella libreria di nessuno, e in questo articolo vi spiego il perchè!

Fallout

Fallout: finalmente fuori dal Vault, ma senza il joypad!

Direttamente da Fantasy Flight Games arriva Fallout, per la prima volta non in veste videoludica come ci ha sempre abituati, ma chiuso dentro le tipiche scatole di cartone che tanto abbiamo, ricco di contenuti, avventure e caratteristiche, che andremo a scoprire assieme in questo articolo!

Root: un gioco di potere e giustizia nei boschi

Root: quale delle 4 fazioni sarà la vincitrice in questo gioco di potere e giustizia?

I boschi non sono poi cosi sicuri come sembra, e in Root il conflitto è aperto. Chi dominerà alla fine? La fazione felina e la sua passione per la costruzione degli edifici o i falchi, precedenti sovrani indiscussi della foresta? O la resistenza, composta da topi e conigli alla costante ricerca di nuove reclute? Ma non dimentichiamoci del solitario procione che approfitterà del trambusto più totale per ottenere ricchezze e tesori!
Vediamo assieme Root!

Acquista su amazon.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.