SOSTIENI THE-FORGE!
Il lavoro che portiamo avanti giorno per giorno è frutto di moltissime ore di impegno e passione per le quali non percepiamo alcun tipo di compenso. Se vuoi contribuire all’espansione e miglioramento di tutto ciò che offriamo tramite il nostro portale, un piccolo aiuto può essere per noi un grande sostegno!

Ludus Magnus Studio è una di quelle case editrici con le quali è difficile trovare giochi banali, brutti o noiosi. La qualità dei loro titoli e il divertimento che portano sul tavolo sono fuori discussione, e la storia non sembra essere diversa con Haunted Lands. Siamo di fronte a un eurogame competitivo con mappa modulare, gestione delle risorse, costruzione di edifici, una meccanica di cooperazione fondamentale per non far perdere la partita a tutti i partecipanti e una componentistica sia a livello di materiali che di design stupenda. Approfondiamo quindi Haunted Lands in questo nuovo articolo!
Condividi su Facebook!
Condividi su Twitter!
Condividi su Linkedin!
Invia su Whatsapp!

È tempo di prendere le parti dei percettori, figure misteriose tra gli abitanti della città di Kalena, unici in grado di allontanare gli spetti dalle terre circostanti, rendendo cosi nuovamente il territorio edificabile e abitabile dai cittadini.

Con questa premessa e un minimo di ambientazione vi presentiamo Haunted Lands, un gioco da tavolo in pieno stile german di Ludus Magnus Studio a cura di Leonardo Romano, nel quale i giocatori si sfideranno nel controllo dei territori per realizzare punti con i quali vincere la partita. Un titolo assolutamente competitivo con un pizzico di cooperazione dato dalla presenza degli spettri sul tabellone che porteranno inevitabilmente alla sconfitta di gruppo nel caso in cui vengano ignorati e lasciati a pascolare in libertà nelle terre di Kalena.

Ma non soffermiamoci oltre e partiamo come sempre dal contenuto della scatola!

Quando i componenti danno una marcia in più a un gioco in scatola.

I materiali e i componenti di Haunted Lands sono fantastici. Punto.

Potrei già fermarmi qua riguardo questo argomento, senza dover approfondire ulteriormente.

L’aspetto grafico e le illustrazioni di Haunted Lands sono bellissimi e la diversificazione dal punto di vista delle tipologie di terreno, dà vita a una mappa complessiva colorata e di forte impatto visivo, mettendo assieme scenari rocciosi di montagna con laghi, pianure, foreste e infine al centro di tutto la città di Kalena. Perderete svariati minuti alla ricerca degli easter egg presenti nei vari esagoni che formano la mappa modulare del gioco, e nel momento in cui avrete finito di cercare, verrete rapiti dall’enorme quantità di meeple in legno presenti, oltre che dalla loro qualità ovviamente.

Le 4 tipologie di costruzioni (mulini, miniere, segherie e norie) sono davvero belle, e persino i classici cubetti colorati di legno presenti sembrano avere una marcia in più nel momento in cui vengono piazzati sopra il meeple dell’edificio a indicarne la proprietà.

Ma gli edifici non sono gli unici elementi a giovare della versione in legno. Troveremo infatti i 4 Percettori (uno per ogni giocatore) e tutti gli spettri che un po’ alla volta andranno a invadere in maniera casuale i vari esagoni della mappa.

Passando ai componenti in cartoncino abbiamo le plance di gioco che si divino in plance giocatore sulle quali ospitare i token per le azioni, le risorse in possesso e le carte del proprio mazzetto (carte compito) e la plancia principale dove vengono tenuti traccia del punteggio, il round in corso e le carte ad uso collettivo come le abilità apprendibili dai giocatori, carte mercato e carte spettro. Tutte queste plance sono dual layer, con gli spazi incavati per i cubetti e i token.

I token sono parecchi, avrete infatti la Pecunia ovvero la moneta, tutte le risorse ottenibili dagli edifici e dai territori, quindi acqua, pietre, legno e cibo e inoltre tutti i token azione, che userete sulle vostre plance per compiere determinate azioni con il vostro percettore, dallo spostamento, alla raccolta, per passare alla costruzione fino alla parlantina, ovvero il modo in cui allontanerete gli spettri dalla mappa.

Chiudono il cerchio le varie carte di cui abbiamo accennato sopra da disporre sulla plancia principale. Haunted Lands in termini di carte non ha una dipendenza dal punto di vista della lingua, in quanto è stato sviluppato un ottimo sistema iconografico, per il quale troverete comunque spiegazione nelle ultime pagine del regolamento, dove è presente la spiegazione di ogni singola carta del gioco.

Il regolamento per concludere è ben fatto e profondo, forse a volte anche troppo, dato che viene spiegato davvero tutto nei minimi dettagli, ricadendo a volte nella ripetizione. Ma si sa, meglio ripetere le cose due volte piuttosto che lasciare spazio a dubbi. Inoltre come abbiamo anticipato precedentemente, troverete molto utili le ultime pagine le quali contengono la spiegazione di tutte le carte del gioco, divise per categoria.

Come si gioca a Haunted Lands?

Nonostante la mole importante di componenti, una volta divisi a dovere, il setup della partita di Haunted Lands non richiederà molto tempo.

La prima cosa da fare è assemblare la mappa al centro del tavolo, ponendo la tessera della città di Kalena nel centro, circondata da altre 6 tessere casuali delle 11 disponibili. L’unica cosa da porre attenzione in questa fase è l’orientamento delle tessere stesse. Vanno messe tutte nella stessa direzione, usando alcuni punti di riferimento come i pinnacoli delle montagne.

Ogni giocatore dovrà essere fornito di tutti gli elementi del rispettivo colore, preparando le plance con i segnalini azione disponibili fin da subito. Tutti i token cibo, azione e i meeple delle strutture e degli spettri possono essere tenuti a parte a disposizione di tutti i partecipanti.

La plancia principale è il componente che si occupa del tenere traccia del punteggio e del turno di gioco. Infatti una volta scelto il primo giocatore, i segnalini di ordine di turno andranno distribuiti ai vari giocatori, mentre i rispettivi cubi colorati vanno posizionati a inizio del tracciato, in pila uno sotto l’altro.

In Haunted Lands la posizione dei cubi sul tracciato indica l’ordine di turno (oltre a segnare ovviamente il punteggio attualmente raggiunto). A parità di punteggio, il cubo più in alto nella pila agisce prima degli altri.

Sempre sulla stessa plancia inoltre andranno distribuite le carte mercato, delle quali andrà girata la prima, una carta spettro che rimarrà tale per tutta la partita, e le carte ricompensa, che lavorano come le carte mercato.

Al di sotto della plancia invece andranno distribuite una carta per mazzo abilità. Queste carte a disposizione di tutti indicano le abilità che i Percettori potranno apprendere durante il corso della partita. Le abilità sono acquistabili da tutti, quindi a parità di monete, tutti i giocatori potranno ottenerle, tuttavia prima si acquistano maggiori saranno i punti guadagnati.

Ora siete pronti a iniziare.

Haunted Lands si svolge nell’arco di 9 turni prefissati, suddivisi in 3 stagioni.

Ogni turno ci sono delle fasi da seguire nel seguente ordine:

  1. Infestazione: questa prima fase del turno è quella che si occupa di inserire i meeple degli spettri sulla mappa. L’ultimo giocatore lancerà il dado terreno, piazzando dove vuole 4 spettri sui terreni di riferimento in base al risultato del dado. Gli spettri non possono essere disposti in tessere che ospitano edifici, e nel caso non dovessero esserci sufficienti tessere terreno disponibili, si inizieranno ad invadere le tessere della città. Se per un qualsiasi motivo tutte le tessere della città di Kalena dovessero essere invase dagli spettri, TUTTI i giocatori perderanno simultaneamente la partita. Questa è la parte collaborativa del gioco. Se i giocatori non si preoccupano di scacciare regolarmente gli spettri, tutti perderanno. Allo stesso tempo però, l’ultimo giocatore può approfittare di questa fase per piazzare gli spettri in una zona occupata da un certo percettore, impedendogli quindi di poter costruire ulteriori edifici.
  2. Produzione: in questa fase tutti i giocatori raccolgono una risorsa per ogni edificio in loro possesso, rispettando sempre il limite di massimo 12 risorse da poter tenere sulla propria plancia, divise in 3 per tipo. Qualsiasi risorsa eccedente andrà scartata immediatamente.
  3. Turno: il cuore del round, dove i giocatori, uno alla volta eseguono le loro azioni. Quante? Fino a quando le risorse e i segnalini azione glielo consentono o fino a quando non decidono di fermarsi.
    Ecco quelle che potete fare:
    1. Viaggiare: potete spostare il vostro Percettore all’interno della mappa di Haunted Land utilizzando i segnalini viaggiare. Il costo del viaggio dipende dal terreno nel quale state entrando. Spostarsi nelle tessere della città di Kalena o in pianura costa 1 segnalino viaggio, spostarsi nelle tessere foresta 2 segnalini viaggio e infine 3 segnalini per entrare nei territori di montagna.
    2. Raccogliere: potete raccogliere la risorse del rispettivo terreno nel quale vi trovate, usando un segnalino raccolta. Il terreno diventerà poi “sfruttato” e quindi non più utilizzabile per il raccolto fino alla prossima stagione. Se ci sono edifici nel terreno, non potete raccogliere. Inoltre potete raccogliere l’acqua da un qualsiasi terreno che sia adiacente ai laghi, in quanto ricordiamo che nelle tessere lago NON si può entrare né con gli spettri e né con i Percettori.
    3. Costruire: usando un segnalino costruzione assieme alle risorse richieste, potete costruire un edificio nel terreno in cui vi trovate. Ogni terreno può ospitare un solo edificio, e del solo tipo indicato dal terreno. I mulini si costruiscono in pianura, le segherie nelle foreste e le miniere in montagna. Come per la raccolta, potrete costruire le norie (le costruzioni adibite alla raccolta dell’acqua) in un qualsiasi terreno adiacente a un lago.

      Haunted Lands

    4. Persuadere: è l’azione che consente di eliminare gli spettri dalla mappa. Inizialmente vi verrà chiesto di spendere un solo segnalino persuasione per ogni spettro, ma con il passare delle stagioni diventeranno 2 e infine 3 nella terza ed ultima stagione. Per persuadere lo spettro ad andarsene dovete ovviamente essere nella stessa tessera. Eliminare gli spettri vi permette di liberare la mappa, scongiurando il rischio della sconfitta totale, e inoltre vi permette di tirare il dado ricompensa, ottenendo il premio indicato sulla carta ricompensa.
    5. Azioni sulle tessere Kalena: queste sono azioni speciali che non prevedono l’uso di segnalini azione e che possono essere fatte solo sulle tessere della città di Kalena, nello specifico nella tessera centrale e nelle 6 che la circondano. In questi luoghi potrete scambiare le vostre risorse per le monete. Potrete imparare le 4 abilità presenti sulla plancia centrale, ottenendo punti extra e nuove abilità a vostro favore. Infine avrete la possibilità di allenare il vostro Percettore, spendendo le monete per ottenere segnalini azione extra. Ottenere il massimo dei segnalini azione di una determinata categoria, sbloccherà inoltre ulteriori punti extra.
  4. Riposo: tutti i giocatori ripristinano i propri segnalini azione, questo perché ogni volta che eseguite un’azione consumandone i rispettivi segnalini, l dovrete girare sull’altro lato, il quale indica con la stessa icona, ma non più a colori, che il token è stato utilizzato.
  5. Classifica: questa è la fase in cui sulla base della posizione dei segnalini punteggio sul tracciato, si ridistribuiscono i token del turno. Ricordate che a parità di punteggio, si guarda la posizione della pila dei segnalini punteggio. Quello più in alto gioca prima di quelli sotto.
  6. Fine Round o Fine Stagione: terminato il normale round, si ripartirà semplicemente dalla fase 1. Nel caso sia il terzo round della prima e seconda stagione, i giocatori con meno punti avranno diritto a pescare rispettivamente 1 e 2 carte campito dal proprio mazzetto. Queste carte daranno punti extra finali ai giocatori che tendono a restare più indietro nel tracciato dei punti.
    Se si tratta del terzo round della terza stagione la partita di Haunted Lands termina, passando al conteggio finale dei punti dove, stranamente, le risorse avanzate e le monete non daranno nulla di extra. Dovrete solo sommare alla vostra posizione sul tracciato le eventuale carte compito ottenute.

Impressioni finali di Haunted Lands

Purtroppo il mio giudizio in fattore giochi da tavolo viene sempre influenzato dal mio mestiere, ovvero quello di Grafico. Quando vedo un gioco graficamente bello, può anche peccare in alcune meccaniche, ma sarò sempre più propenso a giocarlo rispetto alla sua controparte perfetta nel flusso ma che mi presenta i meeple in stile Monopoli o gli stand in cartoncino al posto delle miniature per esempio.

Haunted Lands è visivamente stupendo. Le illustrazioni a partire dalla mappa fino alle carte sono bellissime, e la schiera di edifici, spettri e Percettori in legno danno al titolo stesso una tridimensionalità che fa davvero una bellissima figura sul tavolo da gioco.

Ma fortunatamente Haunted Lands non è solo grafica. Il motore del gioco gira bene, dando una certa linearità nelle fasi che permette al giocatore di non perdersi con mille mila variabili, ma al tempo stesso offre un livello strategico sufficiente a soddisfare anche i più esigenti.

La presenza degli spettri nel gioco è un toccasana, obbligando i giocatori a non pensare unicamente ai fatti propri, ma costringendoli ad essere parte attiva di un progetto per il bene comune, ovvero il poter terminare la partita tutti assieme. Inutile dire che le additate al tavolo del tipo “traditore della patria”, “infame” e soprattutto “egoista bastardo” non mancheranno nel momento in cui non spenderete ogni turno i vostri segnalini per scacciare uno spettro. E vi assicuro che anche solo un turno speso senza allontanare un fantasma dalla mappa, potrebbe essere fatale.

Le carte abilità sono un’ottima trovata per fornire dei potenziamenti ai Percettori, dando anche un piccolo livello di personalizzazione sulla base dello stile di gioco adottato.

In Haunted Lands inoltre grazie alle carte compito, non sempre sarà consigliabile essere primi. Di fatti vincere una partita senza aver ottenuto nemmeno una di queste carte bonus è molto difficile. A volte potrà essere più saggio restare indietro e conservare le risorse per macinare punti nel turno successivo.

La costruzione degli edifici è appagante, e vedere le proprie casse rifornimento riempirsi di turno in turno è fonte di soddisfazione, aumentando allo stesso tempo l’ansia relativa alla messa in gioco degli spettri. Più edifici costruite, meno spazio lasciate agli spettri, avvicinandoli sempre più a Kalena.

Haunted Lands è un gioco molto ma molto bello, che ci sentiamo di consigliare a mani basse a chiunque stia cercando un titolo dal carattere german ma senza troppe regole ed eccezioni, dal flusso chiaro e continuo ma che permette comunque di mettere in piedi strategie per nulla banali.

Condividi su Facebook!
Condividi su Twitter!
Condividi su Linkedin!
Invia su Whatsapp!

Scheda Tecnica

Contenuto della confezione

Altri giochi in scatola

Dungeon Drop - La Recensione

Dungeon Drop, la recensione di un gioco da tavolo tanto piccolo quanto bello!

Dungeon Drop parte benissimo fin dalla sua presentazione: una scatola cubica dalle illustrazioni veramente belle! Ma la vera chicca è il suo contenuto e come funziona. Stiamo parlando di un gioco da tavolo che è, per quanto riguarda divertimento e semplicità, inversamente proporzionale alle sue dimensioni! Un piccolo colosso del settore! Andiamo quindi a vedere come funziona questo gioco da tavolo tascabile!

Azul

AZUL, un gioco ASTRATTO di piazzamento tessere per gli amanti dei mosaici!

Azul è un gioco per famiglie nel quale prenderete i panni di artisti esperti nella realizzazione di mosaici. Il vostro scopo sarà quello di riuscire a posizionare le tessere di ceramica nel miglior modo possibile, cosi da massimizzare i punti e vincere la partita! Un gioco in scatola competitivo, perfetto per esperti o novizi, giovani o adulti!

The Witcher - Il Gioco d'Avventura

The Witcher – Il Gioco d’Avventura

The Witcher è un gioco da tavolo competitivo con una piccola dose di cooperazione da 2 a 4 giocatori, dove l’obiettivo finale è quello di totalizzare più punti dei propri avversari, completando missioni e cacciando mostri.

Gloomhaven

Gloomhaven: arriva in Italia un Dungeon Crawl davvero enorme!

Gloomhaven, il nuovo gioco da tavolo cooperativo, creato dal designer Isaac Childres, è grande. Veramente grande.
La campagna del gioco, la quale è formata da una combinazione di 95 (novantacinque!) possibili dungeon, richiederà facilmente 100 ore per essere completata.

Zombicide Dark Side

Zombicide: Dark Side, il terrore arriva dallo spazio profondo

Come siete messi a claustrofobia e simili? Zombicide: Dark Side vi porterà in uno spazio profondo, ricco di tesori e pieno zeppo di… alieni. Preparatevi a guidare la Squadra Verde, l’ultima linea difensiva tra la disfatta dell’umanità e l’avanzata degli Xeno. Un gioco stand alone della linea Zombicide, prequel dell’ormai famoso Zombicide: Invader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *